Prima di fondarsi Associazione Culturale, Teatro di Pianura si chiamava Ottoemezzo perché nata grazie alla fiducia e alla  volontà  della Coop. Ottoemezzo e del Comune di Sant’Ilario d’Enza (RE) che hanno messo a disposizione ufficio, magazzino e sala prove per laboratori e allenamenti.

Dal 1995 la compagnia Ottoemezzo ha potuto sperimentarsi creando spettacoli, letture e performances. Soprattutto ha lavorato sul tema della guerra realizzando “Quando maturano le ciliegie”(1995) e “Azione k”(1997): dai campi di concentramento come spazio fisico e periodo storico preciso al lager inteso come luogo esistenziale, a Kafka, a Qohelet. Nel 1998 il gruppo ha presentato “Al fronte erano ragazzi”, letture e canti dalla prima guerra mondiale.
Nel 1999/2000 Ottoemezzo  è giunto  finalista al  Premio Scenario  con “L’om malé” , tratto da “Memorie dal sottosuolo” di Dostoevskij, che in seguito ha vinto il Premio Fuorirotta 2000.
Nel 2001, la compagnia, sentita l’esigenza di “esistere” ufficialmente,  si è fondata in Associazione Culturale rinominandosi Teatro di Pianura per il sentimento di appartenenza alle terre della Bassa, alla grande pianura del Po, ai luoghi di  Giovanni Guareschi e di Ligabue.
Nel 2001 Teatro di Pianura ha organizzato un seminario per la ricerca sul “femminile” e, in seguito, ha prodotto “O – scena”, in collaborazione con il Teatro del Montevaso (LI).

Ottoemezzo- Teatro di Pianura dirige da anni un Laboratorio Teatrale Permanente rivolto a bambini , giovani e adulti . E’ attivo sul territorio, tra Reggio Emilia e Parma, offrendo la propria collaborazione nelle diverse istituzioni scolastiche, nei centri sociali e culturali.

Produzioni di Teatro Ragazzi:
1995: “Nostri Mostri”, “Aliment…azione”, per le scuole medie
1996: “E ben gli sta!”, per le scuole materne e primo ciclo elementari
1997: “I giardini di Kensington”, per le scuole elementari
2000: “ Sogno di una notte di mezza estate” di W.Shakespeare, per le scuole superiori
2001: “O adolescenti, buffoni di Dio” da “Amleto” di W.Shakespeare, per le scuole superiori